prototipi di vasi per contenere le amarene, mai utilizzati dalla FabbriNei giorni scorsi mentre ricordavo mia nonna, i suoi modi di dire e di fare, gli stornelli romani che intonava spalancando la finestra nei giorni in cui dormivo a casa sua, i piatti della tradizione che cucinava per “le belle pupille della nonna” (così definiva noi nipoti), la collocazione degli oggetti in quella casa in cui ho trascorso i momenti più intensi della mia infanzia, mi è tornato in mente il vaso in ceramica di amarene Fabbri che teneva in cucina, sopra un ripiano del pensile in formica marrone a giorno, sotto il quale era posizionato il macinino del caffè della Bialetti.

Era un vaso in ceramica di medie dimensioni, bianco, con grandi decorazioni in blu che rimanda ad un periodo in cui i materiali utilizzati erano scelti per durare nel tempo (non usa e getta) e il loro riutilizzo contava molto, la ceramica è un materiale antico e durevole, usato da sempre per contenere cibo e arredare la casa. bozzetto di Riccardo Gatti con fondo giallo

Io ero un’attenta osservatrice nonostante la giovane età, mostravo già interesse per l’arte, mi appassionavo all’ascolto dei racconti che riguardavano Aurelio il macellaio che per passione faceva lo scultore ed ero una buongustaia: il vaso in ceramica bianco decorato di blu che conteneva le amarene Fabbri rappresentava, per me, un vero e proprio tesoro.

Da guardare e da gustare!

Per questo mi è venuta l’idea di cercare notizie in proposito, per ripercorrere la storia di questo iconico vaso che evoca ricordi nostalgici a molti della mia generazione e continua ad incantarci con il suo stile sempre attuale.

Scopro così che l’idea di racchiudere le amarene Fabbri in un raffinato vaso di ceramica, venne a Gennaro Fabbri, che nel 1905 acquisì una vecchia drogheria con cantina a Portomaggiore, in provincia di Ferrara, trasformandola in produzione e vendita di liquori, la Premiata Distilleria Liquori G. Fabbri, in questo modo Gennaro Fabbri chiamò il suo negozio e cominciò la sua attività.

vaso originale che conteneva le amarene Fabbri, prodotto da Angelo Minghetti ispirato ai contenitori in ceramica utilizzati nelle farmacie.All’inizio l’idea del vaso di ceramica che ebbe Gennaro, fu per rendere omaggio all’intuizione che ebbe sua moglie Rachele, di affiancare alla vendita di liquori e sciroppi, quella delle amarene: Gennaro commissionò il lavoro del vaso ad Angelo Minghetti, ceramista bolognese che nella manifattura si ispirò ai contenitori in ceramica utilizzati nelle farmacie.

Capirono l’importanza che questo connubio, amarene e vaso, poteva avere per le loro vendite che ben presto affidarono la produzione del vaso che tuttora conosciamo, a Riccardo Gatti pittore e scultore ceramista faentino che si ispirò ai manufatti che arrivavano dalla Cina attraverso la Compagnia delle Indie. vaso di Pablo Echaurren con predominanza di decorazioni in blu cobalto

Nel tempo il successo delle amarene nel vaso di ceramica è stato davvero grande che dal 2005, l’azienda Fabbri in occasione del primo centenario della propria attività, ha istituito il Premio Fabbri per l’arte, manifestazione triennale a cui partecipano numerosi artisti conosciuti internazionalmente con le loro opere d’arte, realizzate con tecniche e materiali vari. 

L’iscrizione ai nostri corsi di ceramica è possibile in qualsiasi momento, perché il nostro metodo non prevede un programma prestabilito ma un percorso di apprendimento, costruito sulla singola persona, che può essere interrotto e ripreso a seconda delle esigenze individuali.

Contattaci

 Tramite questo modulo puoi contattarci gratuitamente e senza impegno.

Ti risponderemo al più presto per fornirti qualsiasi informazione.

9 + 5 =

Ultimi Post

Diario di ottobre 2018


Warning: sprintf(): Too few arguments in /home/ceramic0/public_html/wp-content/themes/Divi/includes/builder/module/PostSlider.php on line 923
I giorni passano e i nostri raggruppati realizzano, con pazienza e crescente passione, i loro oggetti: io mi emoziono a guardarli mentre modellano, con cura, i loro pezzi d'argilla. Mi rivedo, rivivo quella sensazione che mi ha fatto sentire "capace", in grado di dare...

Riapriamo!

Riapriamo! Dopo la pausa estiva, periodo in cui l'istituto scolastico che ospita il nostro laboratorio di Ceramica Terapia rimane chiuso, mercoledì 12 settembre abbiamo riaperto e ricominciato le nostre lezioni di ceramica. Io e Caterina siamo state convocate dalla...

Ceramica Terapia | Intervista radio

La nostra prima intervista presso gli studi di Radio Radio FM104.5 per la trasmissione byNight Roma "live social radio show": siamo state invitate a parlare di ceramica terapia e in questo video potete vedere il risultato! L’iscrizione ai nostri corsi di ceramica è...

Diario dal 21 febbraio al 7 marzo 2018

Le ultime settimane di febbraio e questa prima di marzo hanno visto un'intensa attività nel nostro laboratorio di ceramica! Abbiamo avuto il piacere di ricevere il piccolo Claudio, Rosa, Giada ed Elisa, Maya e poi mercoledì 7 marzo è venuta a farci visita la signora...

Maya e Omar in visita al castello di Charlottenburg

Maya e Omar sono dei nostri, fanno parte dei raggruppati che frequentano, quando gli impegni lavorativi glielo consentono, il nostro laboratorio di ceramica terapia. Stanno insieme da circa 7 anni, sono molto affiatati e si coinvolgono l’un l’altra in modo equilibrato...

Riprendiamo l’attività!

Finalmente ci siamo, lo staff di Ceramica Terapia è lieto di comunicarvi che martedì 7 novembre ricominceranno i corsi di ceramica!  Riprenderemo a vederci regolarmente per trascorrere i nostri pomeriggi insieme a voi, all’insegna del benessere e della modellazione...

Storia di un iconico vaso

Nei giorni scorsi mentre ricordavo mia nonna, i suoi modi di dire e di fare, gli stornelli romani che intonava spalancando la finestra nei giorni in cui dormivo a casa sua, i piatti della tradizione che cucinava per “le belle pupille della nonna” (così definiva noi...

Betty Woodman

La passione per Francesca Woodman (fotografa statunitense molto influente nonostante la sua breve vita) ci ha portato a conoscere sua mamma Betty Woodman, artista multidisciplinare (la sua produzione prevede non solo opere in ceramica in vari ed eclettici stili ma...

Li Xiaofeng

Nel periodo in cui per passione e per ampliare la mia conoscenza nel campo dell’arte contemporanea ricercavo artisti di ogni genere, sono venuta a conoscenza del singolare lavoro degli abiti-scultura in porcellana di Li Xiaofeng. Li Xiaofeng  è un artista cinese nato...

Joëlle Bellenot

Joëlle Bellenot è un’artista ceramista svizzera nata a La Chaux-de-Fonds, che vive e lavora a Ginevra e Vevey. Dal 1991 è una ceramista autonoma, ha prodotto opere di scultura, installazioni, oggetti in ceramica per mostre e concorsi e realizzazioni architettoniche in...

Pin It on Pinterest